Fraele
Lombardia Strade Bianche TAP

Torri di Fraele e Laghi di Cancano

By
on
dicembre 31, 2019

Torri di Fraele e Laghi di Cancano. Un itinerario fuori dai soliti percorsi.

Partiamo da Bormio che può essere un buon punto di partenza per altre scorribande in Valtellina. Si sale verso Fior d’Alpe e poi si comincia la vera salita. Ci aspettano 18 tornanti secchi su una strada aperta sulla valle. Le occasioni per le soste fotografiche sono diverse. Sulla sfondo cominciano a vedersi le Torri di Fraele, quello che rimane di un presidio militare a difesa del territorio costruite nel 1391. Dopo due gallerie scavate nella roccia le possiamo ammirare da vicino.

Proseguiamo costeggiando il lago  delle Scale e a Cancano prendiamo la strada sulla sinistra che costeggia il primo lago di Cancano. La diga di Cancano I venne completata nel 1933. A seguito della crescente domanda di elettricità nel 1956 l’Azienda Elettrica Municipale di Milano decise di realizzare una nuova diga. L’allagamento del bacino comportò la sommersione della vecchia centrale elettrica alimentata  e della vecchia diga di Cancano I.

 

Fraele
Fraele
Fraele
Fraele
Fraele
Fraele

 

La strada che costeggia i laghi è sterrata facile ma non fatevi trarre in inganno. A tratti risulta insidiosa per via del perenne brecciolino che la ricopre. Quindi meglio prendersela con calma e godersi il fantastico panorama. Ricordiamo che siamo nel Parco Nazionale dello Stelvio.

Facciamo il periplo del lago di San Giacomo sempre su strada sterrata. Si possono ammirare i resti della vecchia diga e le sue costruzioni. A metà troviamo la diga che separa i due laghi. E’ percorribile. Possiamo farne un pezzo per poi ritornare sui nostri passi e proseguire sulla strada principale.

Si ritorna così verso le Torri di Fraele. Attenzione: verificate la viabilità in quanto in alcuni periodi dell’anno la strada è chiusa a mezzi a motore.

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.