Sud Tirolo e i suoi Passi
TAP Trentino

Sud Tirolo e i suoi Passi

By
on
ottobre 22, 2019

Il Sud Tirolo e i suoi Passi. Cosa sono le Dolomiti senza i passi senza il Passo Sella, Pordoi, Campolongo, Valparolo, Falzarego o Passo Gardena? Ma c’è dell’altro da scoprire e fare battere i cuori di noi motociclisti.

Iniziamo il nostro tour a Santa Cristina nella splendida Val Gardena. Dopodiché, dondoliamo attraverso le curve fino al Passo Sella, oltrepassando il Sassolungo. La stradina stretta si accuccia vicino al possente massiccio del Sella, prima di scendere verso Canazei in una costante alternanza di brevi rettilinei e curve.

 

Passo Manghen
San Martino di Castrozza
Passo Brocòn
Sciliar
Passo di Lavazè

 

Riprendiamo attraverso la Val di Fassa. A Moena lasciamo la Strada SS48 e prendiamo la SS346 attraverso lunghe curve fino al Passo San Pellegrino (1.918 mt). Dal passo la strada continua verso Falcade. Qui ci sono le curve più strette. Andiamo verso il prossimo passo: il Passo Valles (2.032 mt.) e continuiamo fino ad ammirare Pale di San Martino.

Le foreste di abeti rossi che ci circondano sono anche chiamate “foresta dei violini”, perché utilizzate nella liuteria. Nel parco naturale incontriamo la salita al passo successivo, il Passo Rolle (1.989 mt). La strada conduce direttamente al maestoso Cimon della Pala, alto 3.184 metri, il Cervino del Dolomiti fino a San Martino di Castrozza. Ci immergiamo in un’area boschiva che ci accompagna verso la successiva discesa con nove tornati portandoci nella valle del Vanoi. Eccoci al Passo Brocòn più impegnativo perché la strada è più stretta.

Curve e tornanti ci portano attraverso i boschi fino a Castello Tesino. Da lì proseguiamo per la valle di Sugan, il punto più a sud del nostro tour. Da Telve iniziamo il nostro vialetto fino al Passo Manghen attraverso piccoli boschetti e prati. Guidiamo quindi fino alla Val di Fiemme. Quindi prendiamo la rampa sud fino al Passo di Lavazè attraverso alcune fitte foreste fino al passo alto 1.808 metri.

 

Val Gardena
Sud Tirolo
Passo Rolle
Pale di San Martino
Passo San Pellegrino

 

A nord, la strada relativamente ampia porta fino a Eggental fino a Birchabruck. Si sale verso il Karerpass, tortuoso ma anche con molto traffico. Sotto la cima del passo ci fermiamo e godiamo la vista delle imponenti masse di roccia, sulla destra il gruppo di Latemar splende alla luce del sole.

Quello che segue ora si può solo descrivere come una danza di curve. Nonostante il suo dislivello di 1.690 metri, è considerato il valico più ripido delle Dolomiti, con pendenze a volte del 24%. Sulla strada per Fiè allo Sciliar, prendiamo una scorciatoia per Prösels.

Quello che segue ora è più rilassante. Attraverso Fiè allo Sciliar, Seis e Castelrotto sotto il massiccio dello Sciliar si procede facilmente fino alla sella Panider. Da qui facciamo un giro veloce verso la Val Gardena per ritornare al punto di partenza.

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.