Strade Bianche Svizzera TAP

Bernese nascosto e Vallese sterrato

By
on
settembre 11, 2018

Bernese nascosto e Vallese sterrato. Un tragitto da farsi in due giorni nel weekend. Alla scoperta di parchi, attrazioni e strade nascoste della vera Svizzera.

Partiamo da Airolo e scavalliamo attraverso il Nufenenpass e il Grimselpass per arrivare ad Innertkirken. Poco dopo è possibile visitare le grotte di Aareschlucht.

AARESCHLUCHT

Costeggiamo il lago Brienzer, siamo nel cantone di Berna. Ci teniamo sempre sulle sponde del Thunersee  per arrivare a Thun.

Thunersee

Scendiamo per entrare nel Parco Naturale del Diemtigtal. La strada è stretta, immersa nel verde e con qualche breve tratto di sterrato.

meienberg

Curva dopo curva raggiungiamo il Jaunpass nella regione del Simmental.

jaun

Lasciamo la strada principale per entrare in quelle più strette che ci piacciono di più. Parco Naturale del Gruyère. Arriviamo su un passo sconosciuto ai più: Ablaendschen. Intorno il nulla.

ablaendschen

Raggiungiamo il caratteristico borgo di Rougemont e a Montbovon entriamo nella profondità del parco. Strade strette immerse nella vegetazione e a tratti sterrate.

Si arriva così alla diga del lago dell’Holgrin. La strada poi prosegue piacevole sempre con il panorama del lago che ci accompagna.

Adesso affrontiamo la strada militare per raggiunge il passo di Agites. Attenzione: la strada è sotto il controllo militare e si può percorrere solo il sabato e la domenica.

La strada è stretta e famosa per i suoi tunnel scavati nella roccia. Lo sguardo si perde poi sui panorami del lago di Ginevra.

agites

agites

Scendiamo velocemente verso Martigny per entrare poi in una strada interna che ci porterà al Col du Plances.

planches

Ci aspettano una serie di tornanti divertenti. Poco dopo inizia un tratto di facile sterrato che ci porterà al Col du Tronc e al Col du Lein.

col du tronc

col du tronc

Siamo immersi nelle piantagioni di frutta e vigneti. Nella stagione giusta si trovano parecchi baracchini sulle strade che vendono albicocche.

Ci aspetta ancora un pò di sterrato per arrivare al Col de Croix du Coeur.

Pensi che sia finita? Direi di no. Ancora un pò di curvette? Eccoti accontentato. Ci aspetta il Gorge du Dunant con una bella strada nervosa che ci porta a Chapex du lac ovviamente sul lago omonimo.

Ci aspetta l’ultima conquista: il Passo del Grand San Bernardo. Strada impegnativa che sale velocemente. Sopra è sempre uno spettacolo. Un lago alpino circondato da montagne con fantastiche creste. Dopo avere avuto il benestare degli annoiati doganieri si ridiscende nella parte italiana.

Da qui si scende e attraverso l’autostrada torniamo a casa.

Un viaggio abbastanza impegnativo da dividere in due o tre giorni per prendersela con calma.

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.