Antiche vie degli appennini
Emilia Toscana

Antiche vie degli appennini

By
on
ottobre 27, 2020

Le antiche vie degli appennini tra queste bellissime montagne non solo fatto di percorsi ricchi di curve e tornanti ma anche con scorci naturalistici e culturali unici al mondo.

Strade antiche che uniscono città e paesi a volte dimenticati o abbandonati. Oggi la meta è uno dei passi più antichi che separano la Romagna dalla Toscana come il passo dei Mandrioli per poi risalire verso uno degli eremi più suggestivi: il Santuario francescano della Verna. Da Rimini imboccando la SP13 verso Sogliano sul Rubicone. Qualche km appena dopo  Santarcangelo  le strade si fanno sinuose e divertenti.  Da Sogliano si risale la collina lungo la SP79 in direzione di Bivio Montegelli attraversando uno dei tratti magici dell’entroterra forlivese.

 

Antiche vie degli appennini
Antiche vie degli appennini
Antiche vie degli appennini
Antiche vie degli appennini
Antiche vie degli appennini

 

Si scende verso il fiume Savio per proseguire verso Sarsina e Bagno di Romagna per entrare nel vivo dell’itinerario. Subito dopo Bagno ha inizio il Passo dei Mandrioli con le sue curve divertenti. Una curva dopo l’altra si sale verso il passo che prosegue tra curve strette che si alternano a rettilinei seguiti da tornanti e ci prepariamo all’ultimo tratto che scende fino a Badia Prataglia.

 

Antiche vie degli appennini
Antiche vie degli appennini
Antiche vie degli appennini
Antiche vie degli appennini

 

Siamo nel cuore dell’appennino tosco – romagnolo. Qui arriviamo a Badia Prataglia in uno dei parchi più belli di tutto l’arco appenninico.  A pochi chilometri di un tratto asfaltato e bianco che passa dentro le foreste incontriamo il monastero di Camaldoli. Dall’abbazia, rientriamo verso Badia Prataglia circondati da abeti millenari e altissimi e strade sterrate. Da Badia Prataglia si svolta verso Corezzo per proseguire cammino  che collega oggi il monastero di Camaldoli al Santuario de La Verna. Arriviamo al Santuario francescano della Verna che vediamo in cima alla rupe su cui sorge. La discesa ci porta sulla SP208 verso il valico dello Spino. Un passo spettacolare dove curve strette si alternano a brevi rettilinei. Da Pieve Santo Stefano eccoci a Arsicci. per poi affrontare le colline sino a Balze. Siamo in vista di uno dei borghi più belli d’Italia: San Leo.

 

 

TAGS
RELATED POSTS
Passo della Calla
Passo della Calla

settembre 18, 2020

Passo della Scaparina
Passo della Scaparina

settembre 4, 2020

Stradine Appennine
Stradine Appennine

settembre 1, 2020

LEAVE A COMMENT

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.